Leggi l'articolo completo su Repubblica. "Finalmente, grazie all'Europa, l'IA entra in una dimensione nuova. L'IA necessita di una forte regolamentazione, per evitare danni irreversibili alle nostre società e per svilupparsi in modo positivo", osserva Rocco Panetta, avvocato esperto di privacy e digitale. "L'Europa si mostra molto forte in questo campo e, come con il Gdpr, potrebbe mostrare la via maestra al resto del mondo", aggiunge. ...

“Con questa sentenza i giudici del Consiglio di Stato riconoscono che le vicende che coinvolgono operazioni sui dati non possono essere lette esclusivamente nell’ottica del trattamento dei dati, delle sue dinamiche e della sua rilevanza come diritto fondamentale (la c.d. privacy). Difatti, se ogni volta in cui viene in gioco un trattamento dovesse prevalere solo la dimensione del diritto alla protezione dei dati, si finirebbe col sottrarre tali situazioni al sindacato di altre autorità aventi competenza in settori diversi, come ad esempio l’Agcm in materia di tutela dei consumatori”. Così l’avvocato Rocco Panetta, tra i massimi esperti a livello nazionale e internazionale di diritto delle nuove tecnologie e avvocato della data economy, commenta in una intervista con CorCom la recente pronuncia del Consiglio di Stato che ha confermato la sentenza con la quale il Tar per il Lazio si era pronunciato sul ricorso proposto da Facebook nei confronti del provvedimento adottato nel 2018 dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm). Avvocato Panetta, qual è il punto giuridico di maggiore innovazione desumibile dalle quarantotto pagine della sentenza del Consiglio di Stato? Occorre innanzitutto puntualizzare che con questa pronuncia è stata ribadita la correttezza delle conclusioni del Tribunale amministrativo regionale per il Lazio nel caso che ha visto l’Agcm contrapposta a Facebook. Al di là dei rilievi descrittivi, i giudici del Consiglio di Stato ci consegnano un importante ragionamento e posizionamento sullo stato attuale, la reciproca autonomia e le correlazioni di due normative di rilevanza nazionale ed europea, vale a dire quella a tutela dei consumatori e quella a tutela dei dati personali. Si tratta di una sentenza estremamente singolare – e in un certo senso anche piacevole da leggere – che fa emergere in un sol colpo quanto noi operatori della data economy riconosciamo e sosteniamo da sempre. E cioè il fatto che i dati personali abbiano un’indiretta rilevanza proprio sul fronte dei mercati, sul fronte economico. Questo è un aspetto tutt’altro che scontato, la cui ricostruzione è decisamente complessa. … Continua a leggere l’articolo su CorCom. ...

Leggi l'articolo completo su Repubblica. Per Rocco Panetta, noto giurista esperto di privacy "da un lato è un bene che chi opera nel mercato dei dati, costruisca questo tipo di piattaforme in periodi di emergenza. Tuttavia noto due aspetti critici". Il primo, prosegue è "l'assenza cronica di attori del nostro Continente, che sul mercato dei dati continuano ad andare al traino di iniziative statunitensi". E poi che si tratta "dell'ennesimo grande slittamento verso la creazione di sempre più grandi contenitori di big data, pieni zeppi di dati personali, generati da operatori attivi in ambiti diversi, difficilmente accessibili e controllabili dagli interessati al trattamento (le persone) e dalle autorità di controllo". "Le norme europee costruite intorno a quel modello etico di trattamento dati al servizio dell'uomo rischiano di restare disattese nel momento in cui di fronte ad emergenze come quella che stiamo vivendo non riescono a reggere agli eventi", conclude Panetta. ...

KnowledgeNet Rome Chapter #IAPP Il 26 marzo alle 15:30 si terrà il prossimo evento di IAPP Italian KnowledgeNet Chapters Roma.Ospiti speciali dell'incontro:- Guido Scorza, dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali- Alessandro Acquisti, Professor of Information Technology and Public Policy alla Carnegie Mellon University- Rocco Panetta, IAPP - International Association of Privacy Professionals Country leader per l'Italia- Alessandro Longo, Direttore di Agenda Digitale - Digital360 Ci si può registrare qui: https://bit.ly/2OyEw0J ...

di Rocco PanettaLeggi l'articolo completo su Agenda Digitale. La settimana che stiamo vivendo verrà certamente ricordata come una delle più significative dell’ultimo anno. Da una parte lo stop and go sulla somministrazione dei vaccini Astrazeneca e dall’altra la proposta presentata dalla Commissione Europea per la creazione di un “Digital Green Certificate” (“passaporto vaccinale”, anche se come vedremo è definizione impropria), che rappresenta uno dei primi, veri, antefatti di ritorno alla normalità. Per poter tornare a viaggiare; con gli ovvi impatti non solo sulla libertà personale ma anche sull’economia dell’Europa. La Presidente della Commissione UE Ursula von der Leyen, che aveva annunciato l’intervento legislativo con un tweet appena qualche settimana fa, ha fatto dunque subito seguire alle parole i fatti, mettendo sul tavolo una proposta di regolamento che dovrà ora passare al vaglio di Parlamento europeo e Consiglio. ...

Vincenzo Tiani, Partner di Panetta & Associati dalla sede di Bruxelles, modererà l'incontro sull'uso del Riconoscimento Facciale per la sorveglianza di massa alla Milano Digital Week.Il panel, Città sotto sorveglianza, si terrà Venerdì alle 16:00 online QUI.Tra gli ospiti anche:Matteo Navacci, Co-Fondatore Privacy NetworkLaura Carrer, ricercatrice presso l'Hermes Center for Transparency and Digital Human Rights e giornalista freelance Il riconoscimento facciale è una tecnologia sempre più usata sia nel pubblico che nel privato. L'idea è semplice: renderci tutti identificabili in tempo reale dalle macchine. Gli scopi sono infiniti: controllo sociale, polizia predittiva, background check, accesso a servizi pubblici - fino ad arrivare a inquietanti scenari di valutazione dello stato emotivo e psicologico. Ma che impatto ha tutto questo sullo spazio pubblico e le nostre città? Parleremo di come il riconoscimento facciale rischia di indebolire le nostre democrazie e comprimere i nostri diritti fondamentali, con particolare attenzione alla situazione italiana, insieme ai promotori italiani della campagna #ReclaimYourFace. ...