Written by 10:14 Media, Wired Italia

Un’idea alternativa per la pubblicità online in Europa

Più riguardo per il trattamento dei dati e niente profilazione: è quello che prevede il piano della joint venture annunciata dalle quattro maggiori compagnie europee di telecomunicazione che sfida le big tech

Share:
wired_post

di Vincenzo Tiani

Un nuovo attore della raccolta pubblicitaria da contrapporre alle big tech, in particolare GoogleMeta e Apple: è questo l’obiettivo della joint venture che quattro tra le più grandi aziende di telecomunicazione in Europa sono in procinto di realizzare. Si tratta della tedesca Deutsche Telekom, attiva in oltre 50 paesi, in Europa e Stati Uniti; la francese Orange, attiva in 27 paesi; la spagnola Telefónica, attiva in Europa e Sud America; l’inglese Vodafone, attiva in 21 paesi tra Europa e Africa. Molti di questi offrono sia servizi di telefonia che di Iptv (contenuti televisivi trasmessi via internet).

La richiesta, come rivelato da Politico, è arrivata agli uffici della Commissione europea che si occupano di concorrenza, visto il rischio di una eventuale concentrazione di mercato a danno dei consumatori. Tuttavia, in questo caso, il piano non sembra essere diretto, come a volte accade, a restringere la concorrenza, con la conseguenza di alzare i prezzi per gli utenti, ma piuttosto a creare un’alternativa appetibile per gli investitori pubblicitari che non vogliano solo rivolgersi al sistema dominato dalle grandi piattaforme.

Con la diffusione di internet da un lato gli operatori telefonici hanno perso sempre più fatturato e dall’altro il mercato della pubblicità si è spostato verso dove è possibile effettuare una profilazione dei clienti grazie ai cookie.

La privacy al centro

Quello che è significativo è che uno dei punti di forza del progetto è proprio una maggiore attenzione alla privacy degli utenti. La promessa di questa joint venture è quella di creare un grande hub per la distribuzione pubblicitaria, ma senza profilare i clienti e, anzi, dando loro maggior controllo su come i dati sono condivisi con le aziende.

Continua a leggere su Wired Italia

(Visited 14 times, 1 visits today)
Share:
Close