Written by 9:00 La Repubblica, Media

Se gli hacker prendono il controllo delle telecamere di una città

Il caso sventato dalla postale di Milano del gruppo che su Telegram vendeva accessi a telecamere private in palestre, bagni e case ci deve far riflettere. La mancanza di una cultura della privacy facilita la vita dei criminali.

Share:

di Vincenzo Tiani

La storia sventata dalla polizia postale di Milano, nell’operazione “Finestra sul cortile”, deve farci riflettere. Migliaia di immagini riprese, anche in diretta, da videocamere situate in luoghi pubblici e privati come appartamenti, spogliatoi, palestre, bagni, il tutto per soli 20 o 40 euro, pagabili in Bitcoin o via Paypal, per avere in cambio accesso illimitato alla vita di tante vittime ignare, adulti e minori.

Eppure, da anni siamo bombardati dal messaggio che più telecamere comportino più sicurezza. I sindaci magnificano l’installazione di nuove telecamere in parchi, piazze e strade mentre online si possono comprare a poche decine di euro sistemi per la video sorveglianza casalinga, accessibili facilmente da remoto tramite smartphone. Il tutto per sentirci più sicuri. Peccato che in molti casi, come questa storia dimostra, la verità sia ben diversa. Senza nulla togliere al “merito” dell’attività criminale realizzata con metodi quasi imprenditoriali, molte di queste violazioni non sarebbero state possibili se si fossero tenute a mente due lezioni.

Non una questione di se, ma di quando

Qualsiasi sistema o dispositivo connesso alla rete è hackerabile, con tempo e risorse sufficienti. Se degli attaccanti sono riusciti ad avere accesso all’iPhone di Jeff Bezos, uno degli uomini più ricchi al mondo e creatore di Amazon, una delle big tech più conosciute, di recente anche per vendere sistemi di sorveglianza privata, accedere ai nostri dispositivi non può essere considerato un evento così improbabile. Ma se per Bezos sono occorsi tempo e denaro per sviluppare il giusto attacco, per quanto riguarda router wi-fi, videocamere, robot aspirapolvere, la questione in alcuni casi può richiedere pochi minuti.

Leggi tutto l’articolo su Repubblica.

(Visited 19 times, 1 visits today)
Share:
Close